Fifa vince il ricorso: i 201 milioni di dollari tornano nelle casse del calcio

Nel 2015 furono confiscati 201 milioni di dollari dai conti bancari di ex funzionari della Fifa. Oggi l’accordo tra Fifa e Dipartimento di Giustizia americano è stato chiuso. Come riporta la Gazzetta dello Sport, si è risolto il risarcimento per le perdite subite dalla Fifa, Concacaf e Conmebol, dopo l’accusa di corruzione.

Il denaro tornerà nelle casse del massimo organismo del calcio mondiale. Questo che servirà a finanziare progetti legati al calcio con un impatto positivo sulla comunità di tutto il mondo. Il presidente della Fifa, Gianni Infantino, ha dichiarato:

“Sono lieto di vedere che il denaro che è stato sottratto illegalmente al calcio, sta tornando per essere utilizzato per i suoi scopi, come avrebbe dovuto essere fin dal principio. Voglio ringraziare sinceramente le autorità di giustizia statunitensi per i loro sforzi in questo senso, per il loro approccio rapido ed efficace nel portare a termine queste questioni.

Inoltre il presidente della Fifa ha aggiunto:

La verità è che, grazie al loro intervento nel 2015, siamo stati in grado di cambiare radicalmente la Fifa da un’organizzazione tossica all’epoca a un organo di governo sportivo globale altamente stimato e affidabile. Per fortuna, abbiamo ormai superato quello sfortunato periodo della storia ed è bello vedere che finanziamenti significativi vengono messi a disposizione della Fondazione, che possono avere un impatto positivo su così tante persone in tutto il mondo del calcio, in particolare attraverso i programmi per i giovani e la comunità”.

LEGGI ANCHE: Eriksen ringrazia medici e Kjaer: “grazie, mi avete salvato la vita”