Type to search

Flash News

Walter Sabatini: l’ultima sigaretta fra acquisti e plusvalenze

Tutti noi guardando il cielo, alla sera, ci divertiamo nel guardare le stelle scegliendo le più belle e le più luminose. Da piccoli facevamo a gara su chi sceglieva quelle più particolari e a volte si andava incontro a scoperte stupefacenti. “Quella è la migliore di tutte” si diceva, mentre il proprio amichetto ancora cercava nel cielo quella che potesse sembrare la migliore rispetto all’altra. Questo deve aver fatto Walter da piccolo, questo deve esser stato il sogno dell’ormai ex Direttore Sportivo della Roma, cercare la stella più preziosa del cielo.

Foto LaPresse - Massimo Paolone 22/03/2015 Cesena (Italia) Sport Calcio CESENA - ROMA Campionato di Calcio Serie A TIM 2014 2015 - Stadio "Dino Manuzzi" Nella foto: Walter Sabatini osserva Photo LaPresse - Massimo Paolone 22 March 2015 Cesena ( Italy) Sport Soccer CESENA - ROMA Italian Football Championship League A TIM 2014 2015 - "Dino Manuzzi" Stadium In the pic: Walter Sabatini looks on

LA SIGARETTA INTERMINABILE –  Alla Roma Americana serviva un personaggio “tosto”, uno di quelli che ti scovavano gioielli grezzi da valorizzare. Costruire una squadra che nel giro di un paio di anni avrebbe avuto il compito di far sognare i tifosi e magari di portare qualche bel trofeo nella bacheca societaria sempre più povera rispetto agli anni della vecchia presidenza targata Sensi. Un lavoratore instancabile, sigaretta sulla bocca sempre e comunque, come a voler indicare che il classico detto ” è tutto fumo e niente arrosto ” a lui non si addiceva. Si presentò portando a Roma un giocatore come Miralem Pijanic, ai tempi giocatore del Lione, ma anche giocatori come Bojan e l’allora portierone della nazionale Olandese: Martin Stekelenburg. Tutto molto bello, se non fosse per il fatto che nel corso degli anni successivi, assieme a giocatori di livello internazionale, alternò spese folli per quelle stelle grezze che anche da piccoli, tutti avrebbero scartato. Grosse plusvalenze sono state fatte grazie a giocatori del calibro di Marquinhos, Benatia, Dodò, Lamela, Gervinho e Pijanic ma nulla è servito a far sì che la Roma potesse portare trofei importanti nella propria bacheca.

585069_20140911_sabatiniw

CITAZIONI INSTANCABILI – “Quando finisce una campagna acquisti il saldo emotivo è sempre molto ma molto negativo per me, in ogni caso. Perché sono costretto a fare delle scelte che mi addolorano. Si creano situazioni da un punto di vista psichico per me di notevole sofferenza”. Forse il Sabatini uomo va oltre una lista di giocatori comprati e rivenduti per fare cassa. Lui è così, tiene in pugno anche 5 o 6 atleti in mano per poi prenderne un’altro spiazzando la concorrenza. E’ paragonabile a un quadro astratto, tutto crea colore, niente ha un ordine preciso su cui potersi soffermare a riflettere. E quella cenere violenta consuma la sua ennesima sigaretta che volge al termine, inesorabilmente.  “Non ci sarà una sola operazione di mercato fatta senza l’allenatore, oddio forse un paio che mi prendo per mio vizio costituzionale e storico di acchiappare un paio di giocatori senza dir niente a nessuno…” , stelle nascoste agli occhi di tutti, luci soffuse e offuscate da nuvole pesanti di pioggia, colori inadatti a una notte serena. Walter è questo, inutile dargliene colpa. Prendere o lasciare, amare o odiare. Capace che poi ti ritrovi in squadra un campione come Strootman o al contrario un giocatore come Loic Nego.

gettyimages-465576576LA SIGARETTA HA FINITO DI CREARE FUMO  – Ed eccoci qui, tra colpi e plusvalenze Walter ha deciso di anticipare l’addio alla Roma. Anche in questo caso ha scelto forse la cosa meno attesa dal popolo giallorosso, forse qualcuno dirà che finalmente la Roma da oggi avrà un Direttore Sportivo capace di comprare giocatori buoni e invece ci sarà qualcuno che magari rimpiangerà quel suo modo di fare da uomo saccente che negli anni abbiamo imparato a saper capire. “Mi sento libero solo quando sono da solo e con la gente attorno a distanza ragguardevole. A tavola non voglio la destra occupata”. Da oggi Sabatini avrà libera anche la sinistra, in modo da poter decidere il suo futuro con quell’instancabile sigaretta attaccata sulle labbra.

Emanuele Giubilei

Tags:

You Might also Like

1 Comment

Preferenze privacy