Type to search

Dammi Un Altro Calcio

Il derby di Roma : quando la passione fa rima con amore

“Amore è pronta la cena” – “Io non ceno, ho lo stomaco chiuso, ansia pre derby” – “Ma il derby è domenica pomeriggio, siamo solo a lunedì sera!”. Potrebbe sembrare un’esagerazione, ma non lo è. Questa gara non è da considerarsi come le altre in una città come Roma. Una settimana prima del derby in città non si parla d’altro.

Trovi i bar affollati e sin da mattina presto partono i primi sfottò, mentre poco più in là osservi gli anziani che seduti sulle panchine ricordano i loro vecchi derby giocati da quelli che erano i loro beneamini. I bambini nelle piazze giocano emulando questa partita indossando le maglie di Roma e Lazio come se fossero loro stessi a doverne decidere le sorti. Roma, in quei giorni, ha un colore diverso. Trovi più gente pronta a dimostrare la propria fede a suon di statistiche e ricordi, c’è chi parla ancora oggi di Del Vecchio che segnava sempre contro la Lazio e chi, fiero del suo esser Laziale, ricorda i 4 derby su 4 vinti in un anno.

IL DERBY E’ IL DERBY

conti-pruzzo-roma-2014-750x450Cosa accomuna davvero le due tifoserie? La paura che subentri qualche imprevisto che possa far saltare la visone della partita. Se la moglie vuole andare a fare la spesa alle 15.00 precise di domenica si sentirà dire che “c’è il derby, considera che io non ci sia” , e qualora un amico decidesse di fare delle compere Natalizie? Ovviamente si sentirà dire un “vacce da solo” pieno d’affetto.

Il derby è un colore diverso nel cielo, è lo sventolare di bandiere che emoziona tutto il mondo, è il vedere i bambini che rimangono in tensione per tutti i 90 minuti perché “se perdiamo domani mi prendono in giro a scuola”. Ciò che suscita questa partita nel cuore dei tifosi non è descrivibile, è come se fosse un misto di colori astratti senza alcun senso nel quale predomina un misto di ansia e adrenalina pura.

STRISCIONI COMICI E RISATE

RETRO 1974 - LAZIO CAMPIONE D' ITALIA 1974 - I FESTEGGIAMENTI DI GIORGIO CHINAGLIA - 01-00016190000002 - OLYCOMDerby significa anche prese in giro e striscioni divertenti. Se ne ricordano molti nel corso degli anni, dal “Nun ve sarva manco na memory card” esposto dai tifosi giallorossi nei riguardi di una Lazio mal messa in classifica, al “voi 4 su 4 manco cor viagra” esposto dai tifosi laziali ai danni dei romanisti riferendosi ai 4 derby su 4 vinti in un anno dalla Lazio ( campionato e coppa Italia ).

La speranza è che sia una festa, un modo per ritrovarsi uniti in uno stadio Olimpico ormai quasi sempre deserto causa decisioni federali. Deve essere una giornata all’insegna dello sport e del divertimento. Il derby romano, oggi, non vale più come un tempo la sola supremazia cittadina, ma molto molto di più.

IL DERBY AL CINEMA

tifosi_diego_abatantuono_neri_parenti_025_jpg_uwavIl cinema ha spesso rappresentato il derby con coppie divertenti che hanno fatto ridere tutta Italia. Come dimenticarci delle scene epiche che vedevano in contrapposizione Christian De Sica e Maurizio Mattioli? E Pippo Franco? Per non dimenticarci di Alberto Sordi, Vittorio Gassman e Claudio Amendola. Proprio la veracità e la genuinità delle due tifoserie ha da sempre dato spunto per scene comiche che abbiamo imparato ad amare nel corso degli anni.

PAROLA AI TIFOSI

Tre semplici domande: qual è stato è il derby che non dimenticherai mai, quale è stato l’uomo derby e cosa ci si può aspettare da questo derby.

dicanio-maglia-sslazioI tifosi Laziali sono legati soprattutto al derby vinto nella finale di Coppa Italia contro la Roma, ma molti hanno anche ricordato come sia stato bello vivere il ritorno al derby del “figliol prodigo” Paolo Di Canio con la casacca biancoceleste.

Per quanto riguarda l’uomo derby la maggior parte delle persone ha citato Beppe Signori perché “lui dava quella sicurezza all’ambiente che anche noi tifosi percepivamo”. Dal derby, tutti i tifosi Laziali si aspettano che il mister metta in campo una squadra pronta a giocare a viso aperto la gara cercando di portare a casa i 3 punti con la consapevolezza che si possa anche perdere. Ma l’orgoglio e il cuore non devono mai mancare.

foto-marco-delvecchio-romaI tifosi della Roma citano per la maggior parte il derby vinto dalla Roma per 5-1 con le quattro reti siglate da Vincenzo Montella, non dimenticando però il derby dell’anno dello scudetto vinto per 1-0 grazie all’autorete di Paolo Negro.
Giocatore simbolo del derby: Marco Del Vecchio perché “ao, segnava sempre lui”, anche se qualcuno ha ricordato anche i sorrisi di “Arnold” Simplicio.

Dal derby tutti si aspettano che la Roma “giochi da Roma” e che il mister faccia giocare Totti. Forse un sogno, ma il derby è anche questo.

“Il derby non è una guerra. Ricordate che tutti abbiamo amici sull’altra sponda. Non rinnegateli in questa settimana”. Z. Zeman

Emanuele Giubilei

Tags:

You Might also Like

Preferenze privacy