Type to search

CALCIO INTERNAZIONALE SERIE A

Lo strano caso dell’Italia Under 21, la più forte ma anche una delle più deboli degli ultimi anni

ITALIA UNDER 21/ “Il movimento calcistico italiano è in grande crisi. Prima che la Nazionale torni ad essere competitiva passeranno anni. Non ci sono più i talenti di una volta“. Queste sono solo alcune delle frasi che si sono susseguite negli ultimi anni su quello che è il momento vissuto dal mondo pallonaro del bel paese.

Ebbene sì, bisogna affrontare la triste realtà. L’Italia non è più la potenza calcistica di un tempo. Nazionali una volta lontane anni luce, oggi sono in vetta a tutte le classifiche di rendimento e graduatorie/ranking, che dir si voglia.

ITALIA IN RISALITA

Eppure la storia non si può cancellare, no. Un paese come l’Italia, che ha nel calcio il primo sport nazionale, tornerà presto ai fasti di un tempo. O meglio, lo sta già facendo o addirittura l’ha già fatto. A dirci a che punto è il processo di ripresa del calcio italiano saranno infatti gli Europei di calcio Under 21 che si disputeranno proprio in Italia in estate.

EUROPEI UNDER 21 ITALIA

Gironi Europei Under 21

La manifestazione continentale prenderà il via il prossimo 16 giugno, per poi vedere il suo atto conclusivo il giorno 30 dello stesso mese. L’Italia, in quanto paese ospitante, ha conquistato di diritto l’accesso alla fase finale del torneo. Gli azzurrini sono così finiti nel girone con Spagna, Polonia e Belgio.

EUROPEI UNDER 21 CHI SI QUALIFICA

Non certo un turno semplice, se consideriamo che a qualificarsi per le semifinali saranno solo le nazionali vincitrici del proprio girone, più la miglior seconda.

A destare preoccupazione sono i risultati ottenuti nel 2018 dalla Nazionale guidata dal CT Di Biagio, che in 9 incontri ha ottenuto lo score di: 4 vittorie, 3 sconfitte e 2 pareggi.

ITALIA UNDER 21 RISULTATI 2018

22/03/2018 – ITALIA-NORVEGIA 1-1

27/03/2018 – SERBIA-ITALIA 0-1

25/05/2018 – PORTOGALLO-ITALIA 3-2

29/05/2018 – FRANCIA-ITALIA 1-1

11/09/2018 – ITALIA-ALBANIA 3-1

11/10/2018 – ITALIA-BELGIO 1-0

15/10/2018 – ITALIA-TUNISIA 2-0

15/11/2018 – ITALIA-INGHILTERRA 1-2

19/11/2018 – ITALIA-GERMANIA 1-2

E salgono a 3 i pari se consideriamo anche l’ultimo match, quello di giovedì scorso, che gli azzurrini hanno concluso per 0-0 contro l’Austria a Trieste. Risultati che rendono l’attuale Under 21 una delle Nazionali con il peggior rendimento degli ultimi anni.

ITALIA UNDER 21 DI BIAGIO

Ciò che però preoccupa di più è l’assenza di qualità messa in campo dai giocatori di Gigi Di Biagio, molti dei quali riserve nei propri club o relegati a giocare in Serie B. Eppure, poco fa, dicevamo che il processo di ripresa dell’Italia sembra essere già cominciato.

Ebbene sì, a dimostrarlo sono le ottime prove che la Nazionale maggiore di Roberto Mancini sta ottenendo. Già, la Nazionale maggiore. Ma chi sono i giocatori che compongono la rosa dell’Italia dei grandi?

GIOCATORI EUROPEO UNDER 21 ITALIA

Guardando attentamente le ultime convocazioni del CT Mancini, si può notare come una serie di calciatori potenzialmente da Under 21 (all’Europeo potranno essere convocati i giocatori nati a partire dal 1° gennaio 1996, ndr), siano già parte dell’ossatura della prima squadra. I vari Donnarumma, Barella, Zaniolo, Mancini, Pellegrini, Chiesa e anche l’ultimo arrivato Kean.

Tutti questi giocatori sembrano già essere punti fermi dell’Italia. Atleti che assicurano un futuro roseo alla Nazionale, ma che forse farebbero comodo all’Under 21.

E dunque il quesito è subito posto: con quali giocatori sarebbe meglio affrontare l’Europeo? Con i giocatori che lavorano da mesi agli ordini di Di Biagio, oppure con coloro che sulla carta danno maggiori garanzie di successo?

ITALIA UNDER 21 ULTIME CONVOCAZIONI

italia under 21

Questi sono i calciatori chiamati dal CT Di Biagio nell’ultima tornata di convocazioni.

Portieri: Emil Audero (Sampdoria), Alex Meret (Napoli), Simone Scuffet (Kasimpasa Sport Kulubu);

Difensori: Claud Adjapong (Sassuolo), Alessandro Bastoni (Parma), Kevin Bonifazi (Spal), Arturo Calabresi (Bologna), Davide Calabria (Milan), Federico Dimarco (Parma), Sebastiano Luperto (Napoli), Giuseppe Pezzella (Genoa), Filippo Romagna (Cagliari);

Centrocampisti: Francesco Cassata (Frosinone), Fabio Depaoli (Chievo Verona), Manuel Locatelli (Sassuolo), Rolando Mandragora (Udinese), Alessandro Murgia (Spal), Sandro Tonali (Brescia), Luca Valzania (Frosinone);

Attaccanti: Federico Bonazzoli (Padova), Patrick Cutrone (Milan), Gabriele Moncini (Cittadella), Riccardo Orsolini (Bologna), Vittorio Parigini (Torino), Andrea Pinamonti (Frosinone).

LA POTENZIALE NAZIONALE DELL’ITALIA UNDER 21

La ventata di gioventù che sta soffiando sul calcio italiano lascia ben sperare. Potenzialmente l’Italia avrebbe una squadra di tutto rispetto, in grado di vincere il torneo. Impresa che alla Nazionale non riesce dal 2004, forse l’ultima era di talenti nostrani.

Ecco perché, giocando un po’ come se fossimo al Fantacalcio, ci piace provare a mettere in piedi la miglior Nazionale Under 21 possibile. Quella che prevede anche la convocazione di calciatori attualmente fuori dal giro degli azzurrini perché puntualmente chiamati da Mancini.

ITALIA UNDER 21 FORMAZIONE

ITALIA UNDER 21 (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Mancini, Bonifazi, Dimarco; Pellegrini, Locatelli, Barella; Zaniolo, Kean, Chiesa.

Tutt’altra cosa, non c’è che dire. E anche le alternative sarebbero di spessore. Si potrebbe addirittura abbozzare ad una seconda formazione:

ITALIA UNDER 21 B (4-3-3): Meret; Depaoli, Romagna, Luperto, Pezzella; Tonali, Mandragora, Valzania; Orsolini, Cutrone, Parigini.
Con la possibilità di scegliere anche altri giocatori come Audero, Calabresi, Murgia, Adjapong, Pinamonti e Bonazzoli.

Insomma, all’Under 21 sembra proprio che i talenti non manchino. Sarà tutta una questione di scelte, di filosofia e di progettualità. Ma, a prescindere da quello che sarà il cammino della spedizione italiana agli europei, il futuro della nazionale sembra decisamente roseo. Anzi, azzurro.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Pasquale Giacometti

1 Comment

Preferenze privacy