De Servio, Serie A: “In futuro vogliamo una partita del campionato all’estero”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

L’amministratore delegato della Lega di Serie A, Luigi De Servio, a margine dello Sport&Business summit, organizzato dalla Sole 24ore Business School, ha parlato del futuro del campionato italiano e della possibilità di giocare alcune partite del nostro campionato all’estero:

“La nostra proposta è che ci sia almeno una partita a stagione all’estero. La sfida nostra e delle altre leghe europee è quella di andare a conquistare nuovi mercati e questo lo si fa andando a giocare partire all’estero creando un percorso riavvicinamento al nostro campionato e al nostro Paese”.

“Per le regole attuali no, bisogna dirlo, il precursore è la Lega spagnola che da qualche anno sta cercando di far giocare una prima partita ufficiale di campionato all’estero. Ci auguriamo che questo possa avvenire, è una cosa che fa anche Rcs con un prologo all’estero del giro d’Italia e questo consente di aprirsi a nuovi mercati, di raccontare un prodotto, lo fanno già stabilmente liberando leghe sportive americane. Secondo me è corretto, stiamo aspettando che prima FIFA e poi Uefa creino delle regole certe”.

DIRITTI TV

La proposta di Mediapro è appena arrivata. La analizzeremo domani con la calma che merita. Siamo molto contenti perché l’ultima offerta era arrivata a fine luglio. La affronteremo con la dovuta attenzione. Avremo un tempo tecnico corretto perché le squadre e la struttura della Lega possa analizzarne i contorni precisi. Ne discuteremo prima in un paio di commissioni in modo tale che tutti possano esprimere la propria opinione, poi la porteremo all’attenzione del consiglio e infine dell’assemblea entro la fine del mese”.

Rompipallone.it è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it SpazioJ.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

LE ULTIMISSIME

Seguici su Facebook

Preferenze privacy