Mancini: “Resto qui con gli italiani. L’inno sarà un’emozione splendida”

Roberto Mancini, CT della nazionale italiana, ha rilasciato alcune dichiarazioni all’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport:

«Sì, chiuso in casa da due settimane. A Roma ci sono anche due dei miei figli. Il terzo, Filippo, è a Miami, ha terminato un corso di sport e business. Anche lì comincia a sentirsi l’emergenza. Ma i ragazzi sono forti, protetti. Sono più preoccupato per i miei genitori che vivono a Jesi, anche se stanno bene. Mia sorella mi ha chiamato per dirmi che è morto di Coronavirus un amico che da bambino giocava a calcio con me. Lavorava alla Croce Verde di Jesi.

Il filmato del convoglio militare che portava via le bare da Bergamo è stato un pugno in faccia, l’immagine più dura, più impressionante. Nessuno era pronto a questo inferno. Pensare che la gente muore perché mancano i letti in rianimazione è assurdo, è inaccettabile.

Campionato? Dopo quello che è successo, i giocatori avranno così voglia di giocare che l’entusiasmo com- penserà la stanchezza. Sono convinto che torneremo a divertirci. Juve favorita, ma lotta aperta. La Lazio è in corsa, ma io dico anche l’Inter. Proprio perché la situazione sarà eccezionale, un pianeta nuovo, è impossibile fare previsioni scientifiche. Potrebbero esserci sorprese.

L’inno nazionale e io che lo ascolto in piedi davanti alla panchina. Dopo quello che stiamo passando, sarà un’emozione splendida, fortissima. La sto già aspettando

Siamo su Google News: tutte le news sul Calcio Italiano CLICCA QUI