Picchiata dal calciatore del Parma: “Mi ha rotto la mandibola e lasciata in una pozza di sangue”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Samantha Luisa Duarte ha pubblicato un video su Facebook in cui ha raccontato di essere stata aggredita in un locale di Firenze da Abdou Diakhatè, ex giocatore della Primavera della Fiorentina, attualmente in forza al Parma. Secondo quanto dichiarato dalla ragazza, il calciatore l’avrebbe colpita con un pugno, procurando la frattura della mandibola.

La giovane ha presentato una denuncia alla Procura, sono in corso gli accertamenti. La giovane è stata operata per la frattura alla mandibola e dovrà sottoporsi ad un ulteriore intervento. La giovane ragazza spiega che Diakhatè l’avrebbe chiamata “per parlare, poi una volta arrivata mi ha tirato un cazzotto”. L’accusa della giovane poi prosegue verso la vigilanza che avrebbe “scortato il calciatore in macchina, senza prestare alcun soccorso”. I lavoratori del locale “hanno fatto finta di nulla”. La ragazza ha poi proseguito: “Non è giusto che qualcuno possa picchiare una ragazza e che venga scortato anche alla macchina, senza prestare soccorso alla ragazza solo perchè lui è un calciatore famoso”.

Di seguito il video

https://www.instagram.com/tv/CDRSZI5HtpI/?igshid=1dw95198ujuj3

L’avvocato del calciatore invece ha spiegato come a suo parere il suo assistito abbia agito per legittima difesa. L’avvocato ha sostenuto che “Diakhatè e la fidanzata sono stati avvicinati con fare minaccioso da una donna. Nonostante sia stata invitata ad allontanarsi, ha tentato di aggredire la coppia. Il calciatore, colpito alla testa, si sarebbe difeso istintivamente, colpendola al viso”. Questa la versione della difesa del calciatore.

Rompipallone.it è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it SpazioJ.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

LE ULTIMISSIME

Seguici su Facebook

Preferenze privacy