Milan, Ballo Toure: “Il Milan è un grandissimo club, un’opportunità del genere non potevo lasciarmela sfuggire”

Ha parlato oggi il nuovo acquisto dei rossoneri Ballo Toure, che partirà come riserva di Theo Hernandez a sinistra. Il giocatore ex Monaco ha parlato della grande gioia di essere arrivato al Milan, di Theo Hernandez, di Maldini e Pioli e del primo impatto in Italia.

Milan, le prime impressioni di Ballo Toure

Il giovane terzino ex Monaco ha iniziato raccontando i dettagli della trattativa e lasciando le sue impressioni sul Milan e sul campionato italiano in generale:

Sono molto contento di essere qui. All’inizio c’è stato un contatto tra Maldini e il mio agente ma non ci credevo tanto, quando poi i contatti si sono spostati anche con il Monaco ho iniziato a credere davvero di poter arrivare. Questi primi giorni sono andati molto bene, sono stato accolto benissimo. Conoscevo già qualcuno ma anche l’italiano per quanto sia una lingua difficile non mi è sembrato così complicato apprenderlo. Ho parlato con il mister e ho capito cosa chiede, è stato molto disponibile. In Francia il campionato è molto fisico, per quanto riguarda la Serie A c’è sicuramente molta tattica e serve massima concentrazione dall’inizio alla fine“.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Genoa, un attaccante della Serie A primo nome per l’attacco

Le parole su Maldini e Pioli

Il francese ha anche parlato di Paolo Maldini e del suo nuovo allenatore:

Maldini è una leggenda di questo sport, sono molto contento che proprio lui mi abbia dato fiducia. Lui è un punto di riferimento non solo nel calcio. Non voglio essere paragonato a qualcuno, da piccolo amavo soprattutto gli attaccanti ma dire che ci sia un particolare giocatore a cui mi sia ispirato dico no. So che Pioli tiene molto al ruolo dei terzini ma alla fine quello che conta è avere la concentrazione giusta, il rigore e la tecnica spingendosi nel momento in cui serve. Essere qui mi aiuterà in questo senso“.

La concorrenza con Theo Hernandez

Ha anche parlato del suo connazionale, nonché compagno di ruolo:

Ognuno ha il suo stile di gioco ma ciò che mi accomuna a Theo è sicuramente il fatto di essere molto veloce. Ciascuno si deve distinguere per il proprio stile. Sicuramente potrò anche io progredire per quanto riguarda le competenze difensive e la Serie A me ne darà sicuramente l’opportunità. Per quanto riguarda le mie caratteristiche sono un giocatore aggressivo e veloce”.

Siamo su Google News: tutte le news sul Calcio Italiano CLICCA QUI