Chi è Martin Satriano, il talento pronto a prendersi l’Inter per mano

Martin Satriano, arrivato all’Inter un anno fa nel mercato di gennaio, era considerato un grande colpo in prospettiva. Il classe 2001, infatti, ha fatto parlare molto di sé: dal Nacional al nerazzurro, sognando la conquista dell’Europa.

La pandemia, poi, ha frenato il talento uruguagio, che non è riuscito a dare continuità a causa della sospensione dei campionati giovanili. Satriano, tuttavia, quando è sceso in campo, ha mostrato tutte le sue doti al servizio della causa nerazzurra.

SATRIANO INTER WIKIPEDIA

Il 20enne nativo di Montevideo ha già conquistato i cuori nerazzurri: non solo per la doppietta al Milan, in Primavera, un mese dopo la ripresa del campionato, ma anche e soprattutto per le prestazioni offerte in amichevole agli ordini di Mister Inzaghi.

Nell’ultima stagione ha totalizzato 30 presenze con 14 reti all’attivo e 6 assist. Per la spalla di Fonseca – con cui forma il duo d’attacco dell’Inter di Madonna – sono numeri importanti.

Potrebbe interessarti anche: Juventus, Mbappé scioglie i dubbi su CR7

SATRIANO CARATTERISTICHE

Cresciuto nel Nacional, Satriano, in patria, è stato già paragonato a Zlatan Ibrahimovic. 187 cm di potenza e tecnica palla al piede, Martin si è imposto come un calciatore in grado di ricoprire due ruoli: prima punta o seconda, al fianco di un altro attaccante. Nelle prime uscite stagionali Inzaghi lo ha anche arretrato di qualche metro, alle spalle del centravanti.

Piede destro naturale ma anche ottimo sinistro. “Martin Satriano è il miglior talento della sua generazione, ha davvero un grande potenziale“. Parole e firma di Sebastián Taramasco, coordinatore delle formazioni giovanili del Club Nacional.

SATRIANO INTER INZAGHI

Sognando Suarez, l’idolo di Satriano. Senza dimenticare Ronaldinho e Riquelme, come sottolineato dallo stesso attaccante dell’Inter. Un mix, purissimo, di qualità e fisicità al servizio di Simone Inzaghi.

L’Europa, infatti, è sempre stata il sogno di Martin: desiderava, già ai tempi delle giovanili del Nacional, conquistarla, imporsi. Col suo talento. Con le sue prestazioni. Andando oltre. Cercando di dimostrare che i sogni possono essere obiettivi. E gli obiettivi una cascata di emozioni da cogliere al volo. Perché “carpe diem” è il motto di Satriano.

Sempre più forte: Martin vuole prendersi l’Inter per mano e trascinarla, a suon di reti, verso vette inesplorate. Perché coi sogni puoi anche palleggiare. O gonfiare una rete. E Inzaghi lo sa.

Siamo su Google News: tutte le news sul Calcio Italiano CLICCA QUI