Inter, Inzaghi: “Gli obiettivi dell’Inter sono ambiziosi. È una stagione dove ci saranno difficoltà ma sono fiducioso”

Le parole del neo allenatore dell’Inter in vista dell’esordio contro il Genoa. L’ex allenatore della Lazio ha parlato delle difficoltà di questa stagione, di mercato, della partita di domani e degli addii dolorosi.

La partita di domani: “Domani sia per me che per i giocatori sarà un’emozione ritrovare la gente dopo un anno e mezzo dove abbiamo giocato un calcvio diverso in stadi vuoti. Sarà bellissimo ed emozionante, poi dopo 5 minuti l’emozione passerà. Non sarà una squadra semplice, contro una squadra buona e un allenatore preparato. Dalla squadra voglio vedere in campo quello che abbiamo fatto in questi 45 giorni. I ragazzi si sono allenati molto molto bene”.

Le ambizioni dell’Inter: “Gli obiettivi dell’Inter sono ambiziosi. Non mi piace fare proclami. A fare la differenza saranno le motivazioni che hanno i ragazzi e mi hanno fatto vedere che ne hanno da vendere. Faremo di tutto per far sì che le cose vadano al meglio. È una stagione dove ci saranno difficoltà ma sono fiducioso. L’obiettivo è la partita di domani contro il Genoa. Con la società c’è un confronto quotidiano, manca qualcosa dal mercato ma sono contento di quello che abbiamo fatto finora“.

LEGGI ANCHE: Torino, tutto fatto: dice addio alla Serie A e vola in Inghilterra

Le cessioni inaspettate e i nuovi acquisti: “Sapevamo che avremmo avuto problemi, abbiamo dovuto cedere Hakimi, non avremo Eriksen e poi è arrivata la cessione di Lukaku. È stata una partenza inaspettata, non era preventivata. Io, Marotta e Ausilio ci abbiamo provato ma il ragazzo è stato molto sincero. Capisco perché sia così apprezzato da tutti, è venuto da me con molta educazione e mi ha detto che il Chelsea era il suo sogno e che la scelta era stata fatta. Insieme ai direttori ci abbiamo parlato ma aveva già deciso. Adesso è arrivato Dzeko e arriverà un altro attaccante. Dzeko lo avrei voluto a prescindere, Dumfries mi piace, avrà bisogno di tempo per ambientarsi. Poi c’è Dimarco, tornato qui, che può dire la sua. Cercheremo di fare il nostro meglio in tutti gli stadi d’Italia”.

Sull’acquisto del secondo attaccante: “In questo momento, per quel che riguarda il mercato, c’è un confronto quotidiano ma la mia unica concentrazione è per la partita di domani. Poi avremo altri giorni per pensare al resto”.