Lazio, prima conferenza di Sarri: svelato il futuro di Correa

Prima conferenza alla vigilia dell’esordio in campionato per Maurizio Sarri. L’allenatore toscano ha parlato della sua Lazio, della situazione di Correa e Luis Alberto ma anche del nuovo acquisto Romero.

Questi i principali argomenti toccati da Maurizio Sarri:

Il ruolo di Correa è da valutare. Si parla di un giocatore forte, ma il ragazzo ha espresso la sua idea in tempi non sospetti e quindi c’è una situazione in stand-by, in divenire. Questo non lo mette nelle condizioni mentali ideali, ma in allenamento non ci sta facendo mancare nulla. Ho sempre detto che lo vedo bene come esterno ma anche come attaccante centrale. Chiaramente qui c’è la figura di Immobile che blocca questo ruolo, Ciro è il nostro punto di riferimento. Ma la situazione di Correa è in divenire e vedremo cosa succederà nei prossimi giorni”.

Per quanto riguarda Luis Alberto: “Mi sembra che stia iniziando a capire. Ha talento e tecnica straordinaria, anche le sue qualità fisiche sono superiori a quelle che esprime. Dal punto di vista caratteriale è particolare, ma più impareremo a conoscerci e più andremo d’accordo, anche se non ho mai avuto problemi con lui”.

Le parole sul nuovo acquisto Luka Romero: “Posso dire che non ho mai visto un sedicenne che si allena con questa ferocia e con queste qualità. È un’eccezione, gli manca qualcosa fisicamente come è giusto che sia. Ma anche lui durante la stagione ci darà una grande mano”.

LEGGI ANCHE: James Rodriguez shock: “Non so nemmeno con chi giochiamo domenica

Sulla possibilità che giochi Pedro: “È difficile dirlo, noi in questi due giorni in cui si è allenato con noi abbiamo fatto allenamenti molto più leggeri e quindi è difficile poter valutare la condizione del giocatore. Però è brillante, questo rientra nelle sue caratteristiche. Ma penso che uno scampolo di partita lo possa fare, vedremo quanto lungo”.

La sua Lazio e la partita con l’Empoli: “Noi siamo una squadra in evoluzione, in divenire. Io mi ritengo uno specialista, ovvero uno che vuole che le cose vadano alla perfezione. Al momento non è possibile e probabilmente questo sarà un anno di costruzione. Purtroppo il calcio di oggi non è fatto per gli specialisti ma per i tuttologi. In ogni caso sono contento di quello che ho visto, l’applicazione dei ragazzi è feroce e questo mi rende soddisfatto. Vado a fare l’allenamento molto contento e mi sto divertendo”.

“A Empoli mi aspetto una partita difficile, se loro ripetono la prima mezz’ora che hanno fatto in Coppa Italia contro il Vicenza ci metteranno davvero in difficoltà. È una squadra giovane, tecnica, brillante, la classica squadra che mi piace molto e Corsi è un presidente straordinario in questo senso, è l’unico con il quale potrei parlare di calcio in maniera profonda”.

Siamo su Google News: tutte le news sul Calcio Italiano CLICCA QUI