Sei qui: Home » News sul Calcio » Serie A, arriva la decisione del Giudice Sportivo: pugno di ferro contro tre curve!

Serie A, arriva la decisione del Giudice Sportivo: pugno di ferro contro tre curve!

Il Giudice Sportivo, dott. Gerardo Mastandrea, ha assunto le seguenti decisioni qui di seguito riportate: la società Spezia è stata sanzionata con l’obbligo di disputare una gara con il settore denominato “Piscina” privo di spettatori unitamente all’ammenda di €15000,00, con diffida, e la Società Napoli con l’obbligo di disputare una gara con il settore denominato “Curva A” dello stadio denominato Diego Armando Maradona privo di spettatori, unitamente all’ammenda di €30000,00, con diffida. Sanzioni attenuate per il fattivo comportamento di calciatori, tecnici e dirigenti per calmare gli animi e porre fine agli scontri;

la società Salernitana è stata sanzionata con l’obbligo di disputare una gara con il settore dello stadio denominato “Distinti” privo di spettatori, unitamente all’ammenda di €30000,00, con diffida;

Serie A Giudice Sportivo decisione

non sono state adottate sanzioni nei confronti di Atalanta, Fiorentina, Inter, Juventus, Lazio, Milan, Salernitana, Sampdoria, Sassuolo, Torino e Venezia in merito all’introduzione di materiale pirotecnico allo stadio;

LEGGI ANCHE:  Juventus, offerta shock dalla Premier per Vlahovic e Miretti: i dettagli

la Fiorentina è stata punita con un’ammenda di €15000,00 a causa di cori insultanti dei suoi sostenitori nei confronti di un calciatore avversario e per aver lanciato dei fumogeni ed altri oggetti nel recinto di gioco; il Milan ha ricevuto un’ammenda di €12000,00 a causa di cori insultanti di matrice territoriale da parte dei tifosi, oltre al lancio di fumogeni nel recinto di gioco; la Salernitana ha ricevuto un’ammenda di 10000,00 a causa di cori insultanti dei suoi tifosi nei confronti di un calciatore avversario; il Venezia è stato sanzionato con un ammenda di €3000,00 a causa del lancio di un accendino e di un bicchiere di plastica dei tifosi nel terreno di gioco.

Juri Modugno