Sei qui: Home » News sul Calcio » Mancini: “Vinceremo un mondiale. Consiglio a Scamacca, dove può andare”

Mancini: “Vinceremo un mondiale. Consiglio a Scamacca, dove può andare”

Oggi 11 luglio 2022 è una data da ricordare per tutti gli appassionati di calcio e di Nazionale. Infatti è passato un anno esatto dalla fantastica e straordinaria notte di Wembley che ci ha visto trionfare davanti a 80 mila persone inglesi e incoronarci Campioni d’Europa con pieno merito, mostrando a tutti un gioco mai visto nelle fila della Nazionale Italiana.

Il tracollo dei mesi successivi, invece, vogliamo dimenticarcelo in fretta ed il ct Mancini, ad un anno da quella fantastica notte, è tornato a parlare a la Gazzetta dello Sport di vari temi, da Scamacca a Zaniolo, passando per Immobile e Balotelli.

Nazionale Mancini Scamacca

Mondiale? Da quando sono ct ho due obiettivi: vincere Europeo e Mondiale. Quest’anno pensavo di fare l’accoppiata, ma se ne riparlerà al prossimo nel 2026. Ma continuo a pensare che lo vinceremo.”

Ecco le sue parole su Scamacca: Scamacca ha tutto per essere un grande centravanti e lo sa, però ci deve mettere qualcosa in più anzitutto nel carattere: quando il livello si alza, qualità tecniche e fisico ti aiutano ma non bastano. Psg? Gli consiglio di andare, giocare all’estero regala esperienza e aiuta a crescere.

Il ct ha parlato così di una probabile convocazione di Balotelli non avvenuta durante l’anno: “A novembre, quando avevamo tanti infortunati e calciatori stanchi, avevo pensato di chiamare Balotelli. Con le sue qualità, ci avrebbe dato una mano”.

Su Zaniolo: “So che deve capire la fortuna che l’ha accompagnato: in un lampo ha avuto Nazionale e Roma, non può perdere ancora tempo e occasioni. Disperdere le qualità che ha“.

LEGGI ANCHE:  Cassano attacca Ronaldo: "Se non ce la fai più devi smettere, basta!"

Su Immobile: “Ci ho parlato a maggio, pensavo potesse essere convocato ma mi ha detto che non stava bene: credo sarebbe venuto, a me non ha mai detto che non verrà più. Per me è l’attaccante che ha segnato di più negli ultimi anni“.

Mentre su Romagnoli alla Lazio: “In Nazionale viene chi fa bene: quelli che non ci sono mai stati e quelli che ci sono stati già”.