Sei qui: Home » News sul Calcio » Roma, Mourinho polemico con l’arbitro: “C’era una espulsione per il Betis”

Roma, Mourinho polemico con l’arbitro: “C’era una espulsione per il Betis”

La Roma perde in casa contro il Betis.

I giallorossi vanno in vantaggio con la rete di Paulo Dybala, salvo poi farsi rimontare da Guido Rodriguez e Luiz Henrique.

Al termine della gara, il tecnico della Roma, José Mourinho ha commentato la partita ai microfoni di Sky Sport.

Foto: Getty Mourinho Roma Betis Europa League

LE DICHARAZIONI

“Loro hanno avuto più qualità tecnica di noi, soprattutto nel primo tempo. Abbiamo avuto più opportunità e questa è una contraddizione che fa male per stasera. Devo riconoscere che loro con la palla al piede hanno grandi qualità e ci hanno messo in difficoltà. Ma poi abbiamo avuto molte occasioni. Nel secondo tempo abbiamo sbagliato un paio di occasioni incredibili. Secondo me il pareggio sarebbe i risultati più logico e adatto alla partita”.

Troppa passività?

“Sì, sicuramente. Sul secondo gol eravamo stanchi e stavamo cercando di vincere. Matic è uscito a pressare e Spinazzola no, ma è un errore di stanchezza. Però c’è un sapore amaro perchè non meritavamo di perdere”.

Zaniolo?

“Non ho visto cosa ha fatto, però l’assistente era lì davanti e ha visto qualcosa. Sicuramente è un peccato che non ha visto su Pezzella che sarebbe stato espulso per l’ammonizione successiva”.

Ritorno?

“In questo momento l’obiettivo non è finire al primo posto. Il Betis giocherà con l’Helsinki e può andare a 12 punti. L’importante è passare, anche avendo il rischio di arrivare secondi e prendere una squadra che scende dalla Champions League”.

MOURINHO A DAZN

“Non abbiamo fatto una buona partita, loro tecnicamente sono più forti di noi, hanno fatto un possesso palla di qualità, ma paradossalmente abbiamo avuto le occasioni gol migliori noi”.

“Per quanto visto in campo magari il pareggio sarebbe stato giusto. Noi non dobbiamo pensare al primo posto del girone, ma al secondo. Se finiamo in Conference, giocheremo per vincerla di nuovo”.

Le condizioni di Celik:

“Non voglio essere troppo pessimista, ma la sensazione non è positiva”