Sei qui: Home » News sul Calcio » Lazio, Lotito fissa il prezzo per cedere Luis Alberto: la cifra richiesta

Lazio, Lotito fissa il prezzo per cedere Luis Alberto: la cifra richiesta

Non poche le incertezze sul futuro di Luis Alberto nella Lazio. Resta piuttosto chiaro, però, quanto sia instabile l’attuale situazione del Mago nei piani di Sarri, non più con la centralità di un tempo. Da un po’ infatti ormai il centrocampista spagnolo si trova a scaldare la panchina almeno fino al 90′. Un attrito non indifferente quello tra Luis Alberto e il tecnico toscano, con una difficile affinità ostacolata da questioni tecnico-tattiche. Al di là del mancato feeling con Sarri, la posizione di Claudio Lotito sul calciatore è comunque chiara: non è in vendita a meno di 20 milioni di euro.

Una dura affermazione quella del presidente della Lazio, riportata sul Messaggero, in cui, nonostante le complicazioni della questione legata a Luis Alberto, non si può che considerare anche il 20% dell’incasso della cessione che sarebbe da destinare in caso al Liverpool.

Luis Alberto - Lazio
Luis Alberto – Lazio (Photo by TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)

Lotito su Luis Alberto: “Non ci penso proprio a darlo in prestito a gennaio”

Un talento, quello del centrocampista biancoceleste, che è naturalmente indiscutibile e per cui Lotito ha chiaramente escluso anche il prestito.

Se vuole andar via, porti una squadra con i soldi, perché io non ci penso proprio a darlo in prestito a gennaio – ha appunto dichiarato il presidente sul Messaggero – Dall’Atletico Madrid non ho ricevuto una proposta“.

L’altalenante rapporto tra Sarri e Luis Alberto risulterebbe, del resto, non del tutto facile da superare al momento. Nonostante l’allenatore toscano abbia affermato di ammirarne le qualità, con l’arrivo di Vecino lo spagnolo è difatti sceso in campo solo 5 volte su 13. Una situazione che lo stesso Lotito starebbe cercando di placare:

Luis Alberto è forte, un valore aggiunto per la Lazio e si può ancora trovare un compromesso – ha commentato Lotito – Lui deve accettare le scelte dell’allenatore e Maurizio può essere più comprensivo e capirlo, perché ogni giocatore ha un carattere diverso. Mica possono avere tutti la testa di Pedro“.

Liliana Longoni