Campionati sospesi e presidente in galera: in Turchia esplode il caos

Follia pura in campo. È sconcertate quanto accaduto nel campionato turco, i tifosi sono scioccati.

Ancora una volta, il nome del calcio è stato macchiato da atti beceri, che hanno lasciato i tifosi e i social media esterrefatti da quanto accaduto. Il momento di grande follia e paura è avvenuto nel corso di un match della massima serie turca. L’episodio, avvenuto al termine della sfida tra Ankaragucu e Rizespor, ha creato sconforto, ma allo stesso tempo profonda rabbia per le alte sfere della lega turca.

L’episodio che ha creato sconforto in Turchia, generando apprensione e ribrezzo negli altri paesi, riguarda una tremenda e vigliacca aggressione subita dal direttore di gara designato per il match di Super Lig tra Ankaragucu e Rizespor. Quanto accaduto ha, giustamente, spinto la lega turca di sospendere a tempo indeterminato il campionato.

Follia pura in Turchia: arbitro aggredito

Nel campionato turco, la serata di ieri si è trasformata in un’esplosione di violenza senza precedenti, mandando il mondo della Super Lig nel caos più totale. Dopo il pareggio raggiunto nel recupero da Gaich, ex giocatore di Benevento ed Hellas Verona, il presidente dell’Ankaragucu, Faruk Koca, ha scatenato il caos aggredendo verbalmente e fisicamente il direttore di gara, Halil Umut Meler.

Arbitro aggredito
Campionato sospeso: arbitro aggredito – (LaPresse) Rompipallone.it

Il gol dell’ex giocatore della Serie A è arrivato al 97′ minuto, cambiando il risultato che fino a quel momento vedeva i padroni di casa in vantaggio grazie alla rete siglata da Morutan. Tuttavia, anziché accettare l’amaro pareggio, il presidente dell’Ankaragucu, Faruk Koca, è sceso sul terreno di gioco al triplice fischio finale mostrando un comportamento inaccettabile nei confronti dell’arbitro. Il patron della squadra padrona di casa si è lasciato trasportare da un’indole a dir poco aggressiva, creando il panico in campo. 

Una scena scioccante si è consumata sul manto erboso dell’Estadio Eryaman di Ankara, quando Faruk Koca ha preso di mira l’arbitro Halil Umut Meler rifilandogli un pugno in pieno volto, seguito da ripetuti calci mentre il direttore gara era a terra, prima di essere allontanato con la forza. Al termine della gara tra Ankaragucu e Rizespor, Faruk Koca ha trasformato il campo da gioco in un’arena di violenza inaudita, scrivendo una triste pagina di storia del calcio. 

L’episodio aberrante ha scosso la comunità calcistica turca, sollevando interrogativi sulla sicurezza degli arbitri e sull’integrità del campionato. Si attendono provvedimenti disciplinari esemplari da parte delle autorità calcistiche nei confronti di Koca e dell’Ankaragucu per il vergognoso episodio che ha visto come vittima l’ufficiale di gara Halil Umut Meler.

Come reso noto proprio in queste ore, il tutto porterà all’arresto del presidente una volta dimesso dall’Ospedale dove al momento di trova per un malore legato alla condizioni cardiache. Allo stesso tempo, la Federcalcio turca ha annunciato la sospensione di tutti i campioni e provvedimenti da assumere nell’arco di pochissimo tempo.

Gestione cookie