Atalanta, razzismo a Marsiglia: c’è la decisione

Razzismo durante la semifinale di Europa League fra Olympique Marsiglia e Atalanta: è arrivata la decisione

Lo sport dovrebbe essere momento di incontro, e lo stadio dovrebbe rappresentare un teatro di passione e competizione, un luogo di inclusione e rispetto reciproco. Spesso, però, così non è. Troppo spesso il calcio diventa il palcoscenico di manifestazioni di intolleranza, pregiudizio e odio. Frequenti, infatti, sono gli episodi di razzismo e di violenza verificatisi negli stadi, e questo fenomeno tristemente diffuso nel mondo del calcio rappresenta una vera e propria piaga.

Questa volta, protagonista di un increscioso episodio di razzismo è stato un tifoso dell’Atalanta, che con altri ultra nerazzurri mimava i movimenti di una scimmia sugli spalti del Velodrome. Non solo, oltre alla mimica della scimmia è stato filmato persino un saluto nazista. 

Razzismo a Marsiglia, arrestato un tifoso dell’Atalanta

Secondo quanto riportato da gazzetta.it, in seguito ai gravissimi episodi razzisti verificatisi a Marsiglia, le autorità avrebbero già preso i giusti provvedimenti. Un individuo è stato arrestato e posto in stato di fermo dopo essere stato filmato sugli spalti del Velodrome, insieme ad altri tifosi, mentre compiva gesti razzisti, incluso un saluto nazista e la mimica di una scimmia. Il prefetto della regione di Marsiglia, attraverso un post su X, ha annunciato l’arresto, confermando che l’uomo sarà giudicato per le accuse mossegli.

tifosi atalanta
Razzismo a Marsiglia, il Prefetto annuncia l’arresto di un tifoso bergamasco (LaPresse – rompipallone.it)

La prefettura ha immediatamente segnalato l’episodio al procuratore della Repubblica dopo la diffusione delle immagini sui social media, che mostravano tifosi dell’Atalanta con comportamenti razzisti. Il sindaco di Marsiglia, Benoit Payan, ha condannato fermamente tali azioni, definendole intollerabili e indegne. Anche Renaud Muselier, presidente del Consiglio regionale, ha espresso la necessità che l’Uefa e la giustizia adottino una posizione ferma contro simili comportamenti, sottolineando l’impegno di Marsiglia e della regione Sud nella lotta al razzismo.

L’episodio di razzismo rappresenta un ennesimo monito sulla persistenza di tale fenomeno negli stadi di calcio. È un triste richiamo alla necessità di una lotta costante e incrollabile contro ogni forma di discriminazione e intolleranza, sia nel mondo dello sport che nella società in generale. Le parole di condanna e l’impegno a combattere il razzismo espressi dalle autorità locali e dai dirigenti sportivi sono fondamentali. Solo, però, attraverso un impegno collettivo, sarà possibile sradicare definitivamente il cancro del razzismo dagli stadi e dalla società nel suo complesso.

Impostazioni privacy