“Può perdere 200 milioni”, Mbappé mette la Ligue 1 nei guai: ora è un caso nazionale

L’addio, già annunciato, dal PSG di Mbappé sta incidendo pesantemente anche sulla Ligue 1. Interviene sulla vicenda anche Macron

Alcuni calciatori, per impatto economico, sono paragonabili a delle vere e proprie aziende. Stipendi, sponsorizzazioni e soprattutto tante figure diverse che ruotano intorno a questi semidei.
Era auspicabile, anche per questi motivi, che la decisione di Kylian Mbappé di lasciare il PSG potesse generare un vero e proprio terremoto mediatico e non in Francia.

Non è la prima volta che circolavano voci in merito ad un possibile trasferimento del talento francese, a scomodarsi in quei casi era stato addirittura il Presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron che nell’estate 2022 incontrò uno Mbappé anche in quel caso molto vicino al Real Madrid:”Sì, gli ho consigliato di rimanere al Psg.

Nemmeno Macron ha potuto invece in questo caso ma l’impatto della decisione del capitano della nazionale francese potrebbe prodursi in maniera prorompente anche nei confronti della Ligue 1, l’addio del calciatore più importante del campionato avrà importanti ripercussioni.

La Ligue 1 perde Mbappé e 200 milioni: la situazione

La star va via e gli investitori si defilano: è questo ciò che sta accadendo in Francia dove il pacchetto dei diritti televisivi per il periodo 2024-2028 non è stato ancora assegnato e la situazione non appare di facile risoluzione.
La richiesta di 800 milioni di euro per i diritti televisivi è stata ritenuta troppo cara dagli investitori ed il prezzo potrebbe ridursi di circa duecento milioni di euro.

Anche Emmanuel Macron, come abbiamo visto sempre attento alle tematiche calcistiche, è intervenuto sulla vicenda: l’obiettivo era quello di negoziare un accordo con l’emittente BeIN Sports per i diritti delle prossime stagioni.

Macron interviene sui diritti del campionato francese
Anche il Presidente coinvolto per la risoluzione della bagarre relativa ai diritti televisivi (lapresse) Rompipallone.it

La ricerca della Ligue 1 va avanti da tempo ed è stata più che travagliata: negli scorsi mesi Canal+ si era dimostrata interessata all’acquisto prima di rivelare di aver subito un vera e propria scorrettezza da parte della Lega e quindi ritirare il proprio interesse. Anche Dazn aveva presentato un offerta che però i dirigenti della lega avevano ritenuto ancora lontana dalle richieste della Lega.
Tutto questo mesi fa, prima che il campionato francese perdesse la sua stella più importante.

Altro dettaglio da non sottovalutare, in relazione all’addio di Mbappé, è il fatto che circa 1/3 del budget dei club francesi è costituito dagli introiti provenienti dai diritti televisivi. Una relativa riduzione degli stessi potrebbe avere quindi un impatto importante, soprattutto sui club più piccoli che fanno affidamento a questa tipologia di ricavi per poter organizzare il proprio lavoro.
Impostazioni privacy