Caos Barcellona, addio sorprendente: non se l’aspettava nessuno

Ha del paradossale quanto sta accadendo nel club catalano, addio eccellente in vista della prossima annata

Stagione piena di alti e bassi quella del Barcellona: i blaugrana chiudono l’annata al secondo posto in classifica in campionato, alle spalle del Real Madrid ma mai pienamente in lotta per il titolo e con due eliminazioni ai quarti di finale, sia in Champions League nel rocambolesco doppio scontro con il Paris-Saint Germain sia in Coppa del Re.

La squadra di Xavi, vincitrice dello scorso campionato spagnolo, in quest’annata non si è mai rivelata davvero ”credibile’‘: tante brutte figure dalla già citata rimonta subita dal PSG in Champions alla sconfitta sonora, 4-1, in Supercoppa di Spagna contro il Real Madrid, con una tripletta di Vinicius nei primi 40 minuti di gara.

Un’annata che ha messo in bilico la posizione di Xavi, l’allenatore spagnolo è stato a lungo criticato ed a gennaio aveva già annunciato l’addio dalla panchina del Barcellona in vista della prossima stagione, una mossa atta a dare una scossa all’ambiente blaugrana, salvo poi fare dietrofront. Lo scorso 25 aprile infatti il tecnico aveva cambiato idea, decidendo di restar e dichiarandosi fiducioso per il futuro.

Ma questa vera e propria ”telenovela spagnola” è destinata a produrre ancora colpi di scena, Xavi infatti potrebbe non allenare il Barcellona nella prossima stagione.

Barcellona: vicino l’esonero di Xavi, volontà di Laporta

Sedotto e abbandonato, è probabile che Xavi abbia pensato questo alla luce di quanto rivelato da RAC1. Il club catalano infatti, nella persona del presidente Laporta e di parte del consiglio di amministrazione, sarebbe intenzionato a provvedere all’esonero in quanto molto deluso dalle parole proferite dal tecnico alla vigilia dell’ultima partita contro l’Almeria.

Xavi infatti, circa tre settimane fa quando aveva deciso di rimanere alla guida della squadra, si era dimostrato molto ottimista per il futuro e voglioso di continuare il suo percorso.

Xavi, vicino l'esonero
La società orientata per l’esonero del tecnico (ansa) Rompipallone.it

I motivi che hanno portato Laporta a stizzirsi sono due: innanzitutto il fatto che, nella conferenza prima dell’ultima gara, il tecnico si è dimostrato scettico circa la reale possibilità di poter competere con il Real Madrid in campionato e con i club europei in Champions vista la situazione finanziaria del club.
E conseguentemente il mancato apprezzamento di Xavi per la rosa messa a sua disposizione dal club, una rosa che Laporta e il direttivo ritengono valida e per cui sono stati spesi fior di milioni da parte del club

 

Impostazioni privacy