Svolta epocale nel calcio, l’annuncio di Infantino: cambiano le regole

Il presidente della FIFA annuncia un importante cambiamento in vista, per la tecnologia sul terreno di gioco

Sono giorni importanti sul fronte VAR. Mai come in questa stagione è stata contestata dai tifosi e dagli allenatori, soprattutto nel nostro campionato. Ma le lamentele non hanno preso piede solo in Italia. Infatti in Inghilterra il Wolverhampton ha presentato una richiesta al consiglio di lega: in ballo c’è l’eliminazione del VAR dal calcio inglese. Questa richiesta è stata accettata ed in occasione della prossima riunione (nel mese di giugno, ndr) verrà votata dalle varie squadre.

Tuttavia, per essere abolito definitivamente, servono 14 voti su 20. In quel caso, già dalla prossima stagione, in Premier League non ci sarà più il VAR. La notizia ha fatto il giro del mondo e ha scatenato immediatamente opinioni contrastanti. Il calcio mondiale ha quindi gli occhi puntati sul prossimo consiglio di lega inglese che, in caso di abolizione di questa tecnologia, potrebbe scatenare un effetto domino clamoroso in tutto il sistema internazionale.

Nella giornata odierna, in occasione del congresso FIFA a Bangkok, è intervenuto il presidente Gianni Infantino che, oltre ad annunciare delle novità riguardanti le competizioni giovani tra nazionali e quelle femminili, ha parlato anche del capitolo VAR.

Infantino annuncia la rivoluzione del VAR a chiamata

Per quanto riguarda i tornei giovanili, Infantino ha dichiarato che il Mondiale Under 17 si giocherà ogni anno e con 48 squadre. L’Under 20, invece, ci sarà ogni due anni e con 24 squadre. Infine, si pensa ad un possibile Mondiale Under 15. Per il capitolo femminile, invece, oltre al Mondiale per Club, che ci sarà nel 2026 e vedrà 16 squadre partecipanti, si svolgerà anche un Mondiale Under 17 ogni anno.

Però le novità non sono finite e la più importante riguarda proprio un test, che i membri della FIFA stanno guardando in questi giorni in ottica VAR. Il progetto sarebbe quello di optare per l’uso del “Video Assistant Referee” a chiamata. Infatti non sarebbe più il direttore di gara a prendere l’iniziativa per andare al monitor, ma saranno allenatori e giocatori a chiedere all’arbitro l’intervento del VAR.

Rivoluzione in vista per il VAR
Infantino annuncia una possibile rivoluzione del VAR (LaPresse) rompipallone.it

“L’obiettivo” – spiega Infantino – ” è sviluppare e migliorare il VAR. È stata creata una tecnologia più basilare, con meno telecamere e non sono necessari ufficiali di gara, quindi sarà più alla portata di tutti. Il sistema è già attivo”. 

Chissà se questa mossa della FIFA risulterà decisiva per il futuro della tecnologia nel calcio, o se l’opinione dei club e dei tifosi non cambierà e si andrà per l’eliminazione del “Video Assistant Referee” dai terreni di gioco.

Impostazioni privacy