Inter-Lazio, nessun dubbio per Marelli: giudizio netto

Scatta la protesta dopo l’episodio avvenuto in Inter-Lazio: l’ex arbitro Luca Marelli non ha dubbi nel giudizio dell’azione. 

Non mancano le polemiche nonostante il campionato di Serie A sia arrivato alla sua penultima giornata. L’episodio in questione riguarda il match Inter-Lazio, che ha fatto storcere il naso ai tifosi nerazzurri dopo la presa di posizione assunta dal direttore di gara: Juan Luca Sacchi. Nella lente di ingrandimento di supporter e addetti ai lavori è finito il contatto avvenuto nell’area di rigore biancoceleste tra Matias Vecino e Lautaro Martinez. 

Nel corso del primo tempo, il centrocampista della Lazio si rende autore di un episodio molto dubbio, stendendo in maniera volontaria il capitano dell’Inter nella propria area di rigore. Azione che l’arbitro Juan Luca Sacchi non ha avuto dubbio nel giudicarla, lasciando correre.

Infatti, il direttore di gara non ha ritenuto necessario neanche l’ausilio del Var per andare nel dettaglio dell’episodio, lasciando più di qualche punto interrogativo sulla suddetta azione. 

L’ex arbitro Marelli non ha dubbi sul contatto tra Lautaro e Vecino

Il contatto tra Matias Vecino e Lautaro Martinez è finito nel mirino di Luca Marelli. L’ex arbitro, tramite i microfoni di Dazn, ha rilasciato alcune dichiarazioni sull’episodio. Marelli, di fatto, non ha avuto remore nel esternare il proprio giudizio sulla decisone assunta dall’arbitro Juan Luca Sacchi. 

Luca Marelli ha usato parole inequivocabili nell’esternare la propria valutazione sul contatto tra Matias Vecino e Lautaro Martinez: “Vecino è scivolato, ma ha impedito a Lautaro di intervenire sul pallone. Il tutto è avvenuto sotto gli occhi di Sacchi, che ha deciso di non fischiare e quindi il Var poi non è intervenuto. A mio avviso, invece, c’era calcio di rigore”.

Rigore Lautaro Vecino
Il contatto tra Lautaro e Vecino (screen) Rompipallone.it

Quindi, nessuno dubbio per Luca Marelli. Secondo quanto asserito dall’ex arbitro, all’Inter di mister Simone Inzaghi manca un calcio di rigore. L’eventuale penalty, di fatto, avrebbe potuto cambiare l’economia del match, permettendo ai nerazzurri di incanalare la gara su un binario ben differente da quello intrapreso.

La scelta di Juan Luca Sacchi sta alimentato polemiche, soprattutto sui social network. La decisione del direttore di gara, ritenuta sbagliata da Marelli, è stata accolta con irritazione da parte della tifoseria nerazzurra, ma anche dalla stessa società lombarda. L’episodio, di fatto, ha caratterizzato il primo tempo e il continuo della gara, accendendo i riflettori sull’operato dello stesso Juan Luca Sacchi in Inter-Lazio.

Nonostante l’episodio da rigore, con la gara finita sull’1-1,  il mondo Inter al termine del match è esploso di gioia, glorificando la squadra di Simone Inzaghi. I nerazzurri, aritmeticamente campioni di Serie A con cinque turni d’anticipo, dopo quella che è l’ultima sfida interna della stagione, hanno dato il via alla celebrazione ufficiale per il loro 20esimo Scudetto. Il popolo interista ha alzato il trofeo più ambito d’Italia, che ha permesso alla formazione di Inzaghi di cucirsi sul petto la seconda stella. 

Impostazioni privacy