Ferrari, suona l’allarme: “E’ l’errore più grande”

La Ferrari è reduce dalla vittoria nel Gran Premio di Montecarlo ma scoppia l’allarme: le dichiarazioni non lasciano speranze

Una vittoria, quella di Montecarlo, che a distanza di una settimana è ancora lì a far bella mostra di sé. Ha dominato la Ferrari nel Gran Premio di Monaco, per un risultato davvero magico, impreziosito dal terzo posto di Sainz. Solo Piastri ha negato la gioia della doppietta ma il risultato è ugualmente di prestigio.

Ferrari, suona l'allarme
Suona l’allarme in casa Ferrari (Ansa Foto) – Rompipallone

A Maranello hanno esultato tuttti anche per quella sorta di maledizione sfatata da Charles Leclerc: finalmente vincitore nel “suo” Gran Premio, davanti ai suoi connazionali che hanno esultato festanti, ad iniziare dal Principe Alberto II in una gara sempre stata nelle sue mani, dalle prove alle qualifiche.

Montecarlo è stata però solo una tappa: il pacchetto di aggiornamenti portato ad Imola sembra stia iniziando a dare i suoi frutti. Certo, è presto per cantare vittoria perché il circuito monegasco è una sorta di unicum nel mondiale: l’impressione, però, è che la Ferrari abbia compiuto un grande passo in avanti.

Ferrari, l’analisi non lascia speranze

Ed in casa Ferrari ora si può anche sognare in grande, con il Mondiale che non è più utopia. Carlo Vanzini, telecronista della Formula 1 per Sky Sport, ai microfoni di OA Sport ha toccato anche questo argomento. “Il Mondiale Costruttori è un obiettivo possibile per la Ferrari, l’ho detto fin dai test” ha ammesso il giornalista.

Ferrari, analisi non lascia speranze
Ferrari, l’analisi non lasci speranze (Ansa Foto) – Rompipallone

Mi ero basato sulla stagione scorsa di Perez poi però hanno iniziato a fare doppiette in serie. Però si riapre la possibilità che la Ferrari possa vincere il titolo costruttori. A Monaco la McLaren ha tolto punti alla Red Bull ma la scuderia inglese e la Ferrari sono rivali e potrebbero togliersi punti a vincenda” ha poi aggiunto.

Vanzini, però, lancia poi la stangata sull’ipotesi del Mondiale. “Può accadere di tutto ma l’errore più grande adesso è pensare ai Mondiali” ha sentenziato Vanzini. Ciò nonostante, ha di fatto dato l’appuntamento tra qualche gara. “Adesso dobbiamo sperare che la crescita di Ferrari e McLaren porti a vivere Gran Premi molto intensi, magari dettati da sualla qualità dei piloti e sulla messa a punto dei set-up, sperando di divertirci per poi rivedere la classifica tra quattro-cinque gare“.

E chissà che la situazione non possa cambiare nei prossimi appuntamenti, magari con una crescita sempre più netta della Ferrari, unica scuderia ad aver portato alla vittoria entrambi i piloti.

Impostazioni privacy