Red Bull, colpo di scena: esplode la polemica dopo la firma

Un colpo di scena che sta alimentando il chiacchiericcio mediatico attorno a Red Bull: arrivano critiche pesantissime in queste ore.

La notizia delle ultime ore ha sorpreso molti e di fatto ha creato degli scenari imprevedibili: Sergio Perez ha firmato il rinnovo di contratto con Red Bull e resterà fino al 2026. Una da un lato sorprendente, visto che da settimane si parlava di quello che poteva essere il futuro dei piloti della scuderia e quello che poteva essere al tempo stesso il futuro del pilota messicano.

Una stagione che per Perez non è cominciata nel migliore dei modi: proprio nell’ultimo Gran Premio di Monaco, infatti, il pilota non ha terminato la gara e questo ha fatto storcere il naso a molti. Cosi come tutta quella che è stata trafila del messicano fino a questo momento, evidentemente non al livello di quello che è invece il compagno Max Verstappen.

E’ proprio per questo che molti si aspettavano un epilogo diverso, soprattutto perchè ci sono tanti dubbi anche sul futuro dello stesso Max: difficile capire se possa essere ancora lui in sella alla Red Bull anche nella prossima stagione, visto che pare possa aprirsi un mercato piloti molto importante.

Si è cominciato con il passaggio di Lewis Hamilton in Ferrari dalla prossima stagione, trasferimento già confermato ed ufficiale, con Sainz che sta dando tutto per far capire che puntare su di lui è ancora possibile. Anche Red Bull, tra l’altro, è stata accostata allo spagnolo in queste settimane.

Red Bull, la firma di Perez e la reazione della stampa: si accende la polemica

E cosi è arrivata la firma di Perez che, come detto, ha sorpreso tutti ed in generale ha mosso diversi dubbi. La stampa britannica si è espressa in maniera estremamente discordante sulla decisione di voler prolungare il rapporto con il messicano fino al 2026.

Red Bull, polemiche dopo la firma di Perez
Red Bull, firma e polemiche: sta accadendo tutto in queste ore (AnsaFoto) Rompipallone.it

La BBC ha sottolineato chiaramente il disappunto per la decisione: “Non è riuscito a farsi valere quando il suo compagno di squadra si è ritirato in Australia, ed è arrivato solo terzo, dietro a Norris, in Cina, prima del suo recente crollo“, ha scritto la testata britannica.

Ed ancora, anche il Mirror ha sollevato dei dubbi: “Nonostante la sua forma a volte discontinua negli ultimi tempi, Perez insiste di essere all’altezza della sfida di aiutare la squadra”, l’analisi del quotidiano. Diverse critiche, nel mezzo qualcuno che accetta e comprende la scelta di Red Bull anche in ottica futura. Da capire, ora, quale sarà il destino di Verstappen e come la scuderia gestirà la situazione.

Impostazioni privacy