Ferrari, sanzione nel GP del Canada: arriva la stangata, è ufficiale

La Ferrari è stata sanzionata durante le prove libere del Gran Premio del Canada: stangata ufficiale per Leclerc, ecco cos’è successo

Nella seconda sessione di prove libere del Gran Premio del Canada è arrivato lo squillo di Fernando Alonso: il pilota spagnolo è sempre stato un vero e proprio maestro sull’asfalto bagnato ed anche sul circuito intitolato a Gilles Villeneuve ha portato la sua Aston Martin davanti a tutti, chiudendo con il tempo di 1:15.810.

Ferrari sanzione GP Canada
Charles Leclerc stangato: sanzione nel GP del Canada (Ansa Foto) – Rompipallone

Quasi mezzo secondo rifilato a George Russell, secondo con la Mercedes, con Stroll e Leclerc in terza e quarta posizione. Decisamente più giù gli altri big, a partire da Hamilton, settimo fino a Carlos Sainz: lo spagnolo della Ferrari aveva brillanto nella prima sessione mentre nella seconda ha chiuso in 13ma posizione.

Un disastro, invece, Max Verstappen: appena quattro giri percorsi dall’olandese con la sua Red Bull bloccata da un problema all’ERS. E, manco a dirlo, l’umore del pilota era decisamente nero. Ovviamente la concentrazione è ora rivolta tutta alle qualifiche di stasera: è caccia alla pole ed il meteo può avere un peso specifico determinante.

Ferrari, Leclerc sanzionato: ecoc cos’è successo

La seconda sessione di prove libere, quindi, non è stata indicativa, anzi. La Ferrari, non apparsa brillante ieri sera, è comunque tra le favorite sia per quanto riguarda la pole che per la vittoria, magari da contendere alla McLaren, fin qui positiva. A Maranello, però, devono fare i conti anche con la sanzione ricevuta dalla Federazione.

Leclerc sanzionato
Leclerc sanzionato nel GP del Canada: ecco cos’è successo (Anbsa Foto) – Rompipallone

La Ferrari si è infatti resa protagonista di una violazione del regolamento che è costata una multa di 5mila euro: tutto è accaduto nei primi minuti della seconda sessione di prove libere con Charles Leclerc. La Rossa ha violato l’articolo 30.5l del regolamento scendendo in pista con la monoposto numero 16 con le gomme intermedie prima che Niels Wittich, il race director, dichiarasse bagnata la sessione.

Sebbene fosse palese la pista bagnata e l’impossibilità di girare con le gomme slick, con la pioggia che imperversava da almeno un quarto d’ora, per sicurezza la Ferrari avrebbe dovuto aspettare il via libera da parte del race director. E così è arrivata dai commissari la notifica della sanzione e, quindi, della multa conseguente.

Un atto dovuto, insomma, sebbene il muretto Ferrari, accortosi immdiatamente dell’errore, ha richiamato subito ai box il pilota monegasco. Evidentemente in ritardo per evitare la multa ma, almeno, non vi sono state ulteriori conseguenze.

Impostazioni privacy