“Sinner numero uno? Sono solo dati…”: la sentenza è pesantissima

La sentenza in queste ore colpisce proprio Jannik Sinner: l’ex tennista non ha dubbi sul vero numero uno del mondo ed inchioda il tennista italiano. 

Da lunedì un italiano è in cima alla classifica ATP per la prima volta nella storia: si chiama Jannik Sinner, ha appena 22 anni e sta già facendo sognare un paese intero. Il tennista nostrano è riuscito a scalzare dalla prima posizione un certo Novak Djokovic, non uno qualunque. Certo, l’infortunio del serbo ha condizionato inevitabilmente questo passaggio di testimone, ma come riportato da diversi analisti sarebbe stata soltanto questione di tempo.

Ora Sinner si gode il primato ma senza distaccarsi dalla realtà: è stato lui stesso a chiarire come il lavoro sarà assolutamente fondamentale per mantenere quel primo posto, difenderlo da quelli che sono altri atleti giovanissimi e con tanta fame. Uno di questi è senza dubbio Carlos Alcaraz, vincitore del Roland Garros: per lui un successo importante e sognato fin da quando era piccolo.

Lo spagnolo ha portato a casa il trofeo battendo in finale Alexander Zverev, un altro dei tennisti che nei prossimi mesi proverà a mettere in cascina risultati importanti proprio per insidiare il primo posto di Sinner. Jannik, dal canto suo, si gode questo risultato straordinario, frutto di grande lavoro, sacrificio ed una mentalità che non è stata mai scalfita nel corso degli ultimi mesi.

Sinner, numero uno solo per i dati? La sentenza dell’ex tennista

Da qui ai prossimi mesi si capirà concretamente chi di quelli che sono nella parte alta della classifica avrà il sangue freddo di scendere in campo per vincere sempre, costantemente, sfruttando lavoro e talento. Sinner ci proverà già prossimamente da numero uno del mondo, dietro di lui Alcaraz non vorrà perdere terreno. C’è chi già adesso guarda allo spagnolo con una certa ammirazione, individuandolo come vero numero uno, a dispetto di quelli che sono i dati raccolti e che incoronano Jannik in cima alla classifica ATP.

La sentenza di Wilander su Sinner
Sinner, sentenza pesantissima in queste ore (LaPresse) Rompipallone.it

Mats Wilander, ex tennista ed oggi opinionista, è intervenuto ai microfoni de ‘L’Equipe’, parlando propri degli equilibri attuali nel circuito tennistico internazionale: “Alcaraz ha solo 21 anni e ha dimostrato che non ha bisogno di giocare il miglior tennis per vincere, è il segno del più grande”, ha detto Wilander.

“Le sue chance di vincere altri Slam sono altissime e non per i suoi colpi ma per il suo cervello e il suo coraggio, lui è incredibile”, ancora le sue parole. Poi un passaggio proprio su Sinner nuovo numero uno del mondo: “Essere il numero uno è solo una questione di computer, sono solo dati. Le persone preferiranno sempre il tennis dal vivo rispetto a una macchina”, ha detto Wilander.

Impostazioni privacy