La Juventus cala il settebello: Giuntoli vende tutti, Motta ha il suo pupillo

Cristiano Giuntoli all’opera per accontentare Thiago Motta in vista del prossimo anno: sette cessioni per la Juventus per soddisfare il desiderio del tecnico

Il primo è chiuso da tempo, il secondo è ormai in attesa dell’ufficialità. Di Gregorio e Douglas Luiz, portiere e centrocampista, la nuova Juventus parte da loro. Sono i primi colpi di Cristiano Giuntoli per regalare a Thiago Motta una squadra in grado di vincere il campionato.

Questo il grande obiettivo dopo tre anni di digiuno e delusioni ed allora il Football Director si sta muovendo per fare il prima (e il meglio) possibile. L’annuncio di Douglas Luiz dovrebbe arrivare in settimana, prima del 30 giugno per questioni di bilancio fondamentali per l’Aston Villa. Per il portiere del Monza, invece, serve liberare il posto occupato ora da Szczesny che sembra destinato all’Al-Nassr, la squadra di Cristiano Ronaldo.

Il polacco è il primo di una lunga serie di cessione che servirà per fare mercato ed accontentare Thiago Motta nella costruzione della rosa per la prossima stagione. L’elenco dei calciatori in vendita e destinati a lasciare Torino è formato da almeno altri sei nomi, partendo da quel Federico Chiesa che con il contratto in scadenza nel 2025 e il rinnovo lontano, è pronto a valutare altre offerte: complicato – ad oggi – pensare ad un affondo del Bayern Monaco, più semplice che diventino concrete le piste che portano a Napoli e Roma.

Poi c’è  il capitolo McKennie, già vicino al trasferimento nell’operazione Douglas Luiz: l’americano in ogni caso andrà via, non rientrando nei piani dell’ex Bologna.

Calciomercato Juventus, sette cessioni: Motta può godersi il suo pupillo

Alle tre cessioni appena menzionate se ne aggiungono altre quatto: Kean, Milik, Kostic e Huijsen sono tutti con le valigie in mano.

Motta vuole Soulé: la Juve ne vende sette
Matias Soulé pallino di Motta (LaPresse) – Rompipallone.it

Il difensore, di ritorno dal prestito alla Roma, potrebbe essere usato nell’affare Koopmeiners come pedina di scambio, mentre per l’attacco polacco ci sono sirene anche dal Bologna. Ad ogni modo, gli incassi che potrebbero arrivare da queste sette cessioni serviranno a puntare almeno su un altro centrocampista top oltre Douglas Luiz e a sistemare gli altri reparto.

Inoltre, con il settebello di addii, la Juventus potrebbe anche cambiare idea sulla posizione di Matias Soulé. Finora l’argentino, reduce dal prestito al Frosinone, sembrava dovesse essere sacrificato per una cifra intorno ai 30 milioni. Così non sarà perché Motta lo vorrebbe con sé in squadra e Giuntoli sta provando ad accontentarlo. Basterà calare il settebello di cessioni per far sì che il pupillo del tecnico ex Bologna resti ancora in bianconero.

Gestione cookie