Sei qui: Home » News sul Calcio » Ondata di positivi in Premier League: possibile stop del campionato?

Ondata di positivi in Premier League: possibile stop del campionato?

La Premier League continua a tremare. La variante Omicron in Gran Bretagna si sta diffondendo sempre di più e sta mietendo vittime illustri come i vari Lukaku e Van Dijk! Son già state rinviate ben quattro partite della 18esima giornata di campionato, eppure si sta valutando sempre di più lo stop del torneo.

La Premier League trema: si avvicina lo stop del campionato!

Premier League, Covid-19, Omicron

In totale ammontano a nove le partite rinviate per Covid-19 questa settimana. Tre per la 17esima giornata, su cui spicca il big match Leicester-Tottenahm – sarebbe dovuto essere in programma questa sera – e quattro per la 18esima.

Le quattro partite rinviate per questo weekend son le seguenti: Southampton-Brentford, Watford-Crystal Palace, West Ham-Norwich e Everton-Leicester City. A queste c’è da aggiungere anche Manchester United-Brighton, rinviata per lo stesso motivo.

La variante Omicron sta spaventando sempre di più in terra britannica. In questi giorni infatti, è scoppiato un focolaio all’interno del gruppo squadra del Brentford e non a caso è stato chiuso il centro di allenamento. Stessa fine anche per Leicester e per il Watford. E il Norwich invece, non è riuscito a schierare il numero minimo di giocatori da mandare in campo.

LEGGI ANCHE: Guai per Sarri: il titolare rischia di saltare il Genoa!

E non finisce qua, perché stando alle ultimissime, due big club inglesi come Liverpool e Chelsea hanno dovuto registrare una marea di positivi nei due gruppi squadra! Per i Reds, da segnalare le positività di Fabinho, Curtis Jones e soprattutto Van Dijk. Mentre per i Blues, positivi al tampone son risultati Lukaku, Hudson-Odoi, Chilwell, Werner e non solo. C’è trepidazione anche attorno a Havertz: il tedesco è un sospetto positivo.

E infine, come riporta ESPN, molti club stanno spingendo affinché il campionato possa essere sospeso fino al 15 gennaio per poter almeno contenere il contagio dalla variante Omicron. Staremo a vedere, quel che è sicuro è che la situazione rischia di crollare da un momento all’altro!