Sei qui: Home » Serie A » Serie A 2022/23: cambiano le squadre arbitrali, due esclusioni di lusso

Serie A 2022/23: cambiano le squadre arbitrali, due esclusioni di lusso

Importanti novità nella squadra arbitrale della prossima Serie A. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport l’AIA (Associazione Italiana Arbitri) ha designato i nuovi arbitri della prossima stagione inserendo nuovi volti e dismettendone altri. Ecco le decisioni di Rocchi, designatore arbitrale della Serie A.

Serie A AIA arbitro

Chi non vedremo più con il fischietto e i cartellini in mano saranno sicuramente Giacomelli di Trieste e Pasqua di Tivoli, fermati per provvedimenti disciplinari. Da aggiungere alla lista degli esclusi anche Abbattista di Molfetta, Di Martino di Teramo e I. Robilotta, esclusi solo per motivate valutazioni tecniche. Anche Gianpaolo Calvarese non farà più parte della squadra arbitrale per occuparsi dello spazio arbitrale nelle partite trasmesse da Amazon Prime Video e continuare assieme alla Roma il progetto sul comportamento che i calciatori devono adottare in campo. Tra gli assistenti sono stati dismessi Longo e Paganessi per limiti d’età; poi Avalos, Della Croce, Grossi, Lanotte, Muto, Nuzzi e M. Robilotta per motivate valutazioni tecniche; infine Tardino per dimissioni dall’AIA

LEGGI ANCHE:  Ungheria-Italia, i convocati del CT Mancini: c'è anche un centrocampista dalla Serie B!

Sono stati promossi invece Feliciani di Teramo, Gualtieri di Asti, Perenzoni di Rovereto e Rutella di Enna; senza scordarci anche della novità assoluta (adesso ufficiale a tutti gli effetti) rappresentata da Maria Sole Ferrieri Caputi che sarà il primo arbitro donna nel massimo campionato italiano, dopo alcune esperienze in Serie B e categorie inferiori. Riguardo gli assistenti promossi ci saranno: Cavallina di Parma, Cortese di Palermo, Miniutti di Maniago, Niedda di Ozieri, Politi di Lecce, Severino di Campobasso e Tiziana Trasciatti di Foligno (promossa dopo un’ottima stagione arbitrale in Serie C). In totale, per la prossima stagione, si potrà contare su 50 direttori di gara e 84 assistenti.

Rocco Scatà