Sei qui: Home » Calcio in Italia e Serie A - Le migliori notizie » Troppi infortuni nel calcio italiano: che succede?

Troppi infortuni nel calcio italiano: che succede?

In Italia molti calciatori si infortunano troppo facilmente, e siamo solo alla nona giornata di campionato.

Il calcio italiano fa fatica, e lo ricordano soprattutto eliminazioni e le sconfitte in Europa. Spesso dopo che avviene ciò, ci si fa un’esame di coscienza sui limiti che mostra il nostro calcio negli ultimi anni, e se si confrontano con gli altri top campionati europei, sono più che evidenti: in Italia ci si focalizza troppo sulla tattica e sul lavoro in palestra che, fa sembrare i nostri calciatori più appesantiti, fragili in partita per il troppo carico muscolare e quindi molto più esposti ad infortuni rispetto gli avversari inglesi, tedeschi, spagnoli e francesi.

Lukaku
Lukaku Infortunio Serie A

Si corre molto meno quando andiamo a giocare in Europa, spesso impieghiamo troppo tempo per studiare l’avversario, che è molto più agile e veloce di noi, perché questo? Semplice, perché in Italia si fa poco allenamento con la palla e quindi i muscoli vengono sottoposti poco alle sollecitazioni che dovrebbero ricevere poi in partita, e quindi questo oltre ad evidenziare limiti, ne favorisce anche la probabilità di infortunio, e la maggior parte avvengono più in allenamento che in partita.

Chi per un semplice rigore calciato, chi per una preparazione atletica spropositata, chi per un cambio di passo improvviso, chi per un banale contrasto di gioco, ma i dati parlano chiaro: in sole nove giornate di campionato della stagione di Serie A 2022/2023, si sono infortunati ben 65 giocatori (per una media di poco più di 3 a squadra, almeno 7 per ogni giornata di campionato) forse un po’ troppi?

La lista degli infortunati

Qui sotto è riportato l’elenco di tutti i calciatori infortunati di ogni squadra di Serie A nella stagione 2022/2023 dopo appena 9 giornate di campionato:

Atalanta: Djimsiti, Zappacosta, Musso, Zapata;

Bologna: Barrow;

Cremonese: Chiriches, Hendry;

Empoli: Tonelli, Ismajli, Grassi, Akpa Akpro;

Fiorentina: Castrovilli, Dodò, Sottil;

Inter: Dalbert, Cordaz, Brozovic, Lukaku, Correa, Gagliardini;

Juventus: Kaio Jorge, Chiesa, Pogba, De Sciglio, Locatelli;

Lazio: Casale;

Lecce: Brancolini;

Milan: Ibrahimovic, Florenzi, Maignan, Saelemaekers, Calabria, Kjaer, Messias;

Monza: Petagna, Marlon, Marrone;

Napoli: Osimhen, Zielinski;

Roma: Darboe, Karsdorp, Wijnaldum;

Salernitana: Ribery, Fazio, Bohinen;

Sampdoria: De Luca, Winks;

Spezia: Amian, Kovalenko, Sala, Reca, Hristov;

Torino: Vojvoda, Pellegri, Ricci;

Udinese: Buta, Masina;

Verona: Coppola, Ilic, Faraoni.

Alessandro Altieri