Sei qui: Home » Calcio Internazionale » Qatar 2022, la FIFA torna sui suoi passi: autorizzati i simboli LGBT sugli spalti

Qatar 2022, la FIFA torna sui suoi passi: autorizzati i simboli LGBT sugli spalti

A partire da Galles-Iran che si svolgerà tra poche ore, i tifosi potranno esibire sugli spalti cappelli e bandiere arcobaleno senza nessuna ripercussione. Così riporta la Federazione Calcio Galles, la quale ha dichiarato che in ogni stadio sono state riportate le istruzioni e le regole da seguire per i tifosi, incluso l’Ahmad Bin Ali Stadium in cui il Galles affronterà l’Iran.

Il comunicato rilasciato dall’Associazione è ancora più specifico: “Per l’Associazione Calcio Galles tutti devono essere i benvenuti in Qatar durante la Coppa del Mondo e continueremo a puntare il dito contro coloro che vanno contro i diritti umani. Noi crediamo che il calcio è di tutti“.

Accordo tra FIFA e Galles per simboli LGBT sugli spalti

Galles Qatar 2022 lgbt

L’accordo è un unicum tra la Federazione gallese e la FIFA. Adesso resta da vedere se anche in campo i giocatori seguiranno l’esempio della Federazione, magari seguendo l’esempio della Germania, in cui i giocatori hanno posato per la foto di rito con la mano alla bocca.

Il presidente della Federazione Gallese Neil Mooney ha spiegato le origini dell’accordo con la FIFA a Sky Sports News: ” La FIFA aveva promesso una Coppa del Mondo aperta e inclusiva. Fortunatamente sono tornati sui loro passi nelle ultime ore, permettendo ai nostri tifosi di indossare articoli arcobaleno, inclusi i cappelli.”

Alfonso Martino