Sei qui: Home » Calcio Internazionale » Arsenal, inchiesta sull’ammonizione di Xhaka: arriva il verdetto finale

Arsenal, inchiesta sull’ammonizione di Xhaka: arriva il verdetto finale

Sono passati sei mesi da quel lontano Leeds-Arsenal, del 18 dicembre 2021. Il match di Premier League non passò sotto i riflettori per il punteggio, seppur pirotecnico (1-4), ma per un fatto legale.

A gennaio, infatti, secondo quanto riportato da gmedpharm, la FA (Football Association, la Lega Inglese) avrebbe aperto un’inchiesta, durata fino al 17 giugno. L’episodio che avrebbe destato i sospetti della Lega, una scommessa alquanto rischiosa.

Viene piazzata una puntata da ben 52 mila sterline sul cartellino giallo di Granit Xhaka, centrocampista dell’Arsenal da tempo accostato alla Roma. Il calciatore non sarebbe finito sotto inchiesta, ma il suo comportamento sospetto sarebbe stato notificato alla National Crime Agency, poiché il cartellino giallo lo avrebbe preso, ma nei minuti finali, con la vittoria assicurata, su un calcio di punizione che non batteva mai. Dopo 20 secondi di attesa, il direttore di gara ha ammonito il centrocampista, e facendo vincere la scommessa al fortunato giocatore.

Xhaka-Scommessa-FA

250 mila sterline è la cifra totale della vincita. Un grande colpo di fortuna, quindi, quello del vincitore, anche se ricordiamo che la relazione di Xhaka con i cartellini è abbastanza nota.