Sei qui: Home » Calcio Internazionale » Koulibaly svela: “Napoli era casa mia, un giocatore mi ha chiamato per farmi venire al Chelsea!”

Koulibaly svela: “Napoli era casa mia, un giocatore mi ha chiamato per farmi venire al Chelsea!”

La storia d’amore tra Kalidou Koulibaly ed il Napoli continuerà ad esserci nonostante l’addio del franco senegalese appena sbarcato qualche giorno fa a Londra, pronto a vestire la maglia del Chelsea. Nella prima intervista ufficiale da giocatore dei Blues riportata da Gianluca di Marzio, il centrale ormai ex partenopeo ha riannodato i fili del passato e sbrigliato quelli del suo futuro imminente nella sua nuova esperienza in Premier League.

Koulibaly Chelsea Napoli

Sono veramente felice di essere qui. Già a Londra non vedevo l’ora di conoscere la squadra, lo staff e la gente del Chelsea. Ringrazio tutti loro, sono stati davvero gentili con me, mi sento già a casa. È stato un periodo impegnativo, con le visite mediche e il telefono che scottava tra il mio agente e la mia famiglia, ma sono felice di aver scelto la Premier League per giocare nel miglior campionato del mondo, grazie al Chelsea per avermi dato questa opportunità.

Kalidou ha salutato il Napoli dopo essere diventato uno dei giocatori più rappresentativi nella sua esperienza iniziata nel 2014: “Ho passato otto anni a Napoli, tutti lì mi conoscevano. Ma dopo tanto tempo ho capito che era il momento di affrontare una nuova sfida con un nuovo club. Quando il Chelsea è arrivato non ci ho pensato due volte: mi avevano già chiamato nel 2016, nel 2022 non ho avuto dubbi sulla scelta da fare”.  

“Proverò a portare qui l’esperienza che ho fatto a Napoli, tra campionato e Champions League. Ma la Premier è un calcio differente: in Italia si gioca un calcio più tattico e meno veloce. Qui c’è da correre a mille, essere sempre pronti, seguire sempre l’allenatore. Darò alla squadra tutto quello che ho per andare al massimo. La presenza di Tuchel è stata importante, mi ha chiamato e mi ha detto che mi voleva al Chelsea. Ci siamo conosciuti a Parigi, mi voleva già in passato. So che è un grande allenatore e non vedo l’ora di lavorare con lui”.  

“Passare dalla Serie A alla Premier League è la vera sfida: devo dimostrare qui tutte le mie qualità. Era il momento giusto per questa scelta, giocare con il Chelsea sarà facile per me, perché questa è una grande squadra. Spero di soddisfare i tifosi e restituire tutto loro sul campo, darà il 200%”