Sei qui: Home » Calcio in Italia e Serie A - Le migliori notizie » Diritti tv in Serie A, De Laurentiis spinge per Apple: i dettagli!

Diritti tv in Serie A, De Laurentiis spinge per Apple: i dettagli!

Nei prossimi mesi il tema dei diritti tv del massimo campionato italiano diventerà caldissimo: sono state approvate le Linee Guida per l’assegnazione del ciclo 2024-2027 e tra circa due mesi dovrebbe arrivare il via libera di Agcom per dare inizio al bando.

Mai come questa volta, si prospetta una battaglia serrata tra i vari competitor e la speranza della Lega Serie A, rappresentata dal presidente Casini e dall’amministratore delegato De Siervo, è coinvolgere più operatori, rispetto ai soli DAZN e Sky del triennio 2021-2023.

La laurea honoris in Innovation and International Management, ricevuta ieri dal CEO di Apple Tim Cook presso l’Università Federico II di Napoli, è stata l’occasione per un colloquio amichevole e informale tra Aurelio De Laurentiis, patron degli azzurri, e l’importante manager dell’azienda americana.

Aurelio De Laurentiis – Napoli

Stando a quanto riportato da Il Corriere dello Sport, i contatti tra i due vanno avanti da parecchi mesi: il numero uno partenopeo starebbe cercando di convincere la multinazionale a entrare nella partita per i diritti tv della Serie A in vista del prossimo triennio. Se dovesse veramente verificarsi, l’inserimento di Apple avrebbe del clamoroso e potrebbe stroncare ogni rilancio della concorrenza.

L’azienda statunitense non è estranea al mondo dello sport, infatti è già sbarcata nel calcio acquistando i diritti televisivi dell’MLS in madrepatria. Ovviamente la portata di un accordo con la Lega Serie A, una delle più importanti del Vecchio Continente, avrebbe un impatto straordinario sia a livello economico che di immagine per entrambe le parti.

Nelle prossime settimane si avranno ulteriori novità a riguardo: Apple sta valutando attentamente i pro e i contro di un investimento di tale portata, ma, grazie al lavoro diplomatico del presidente del Napoli, non sarebbe una sorpresa se tra 60 giorni, all’apertura del bando, si iscrivesse anche la multinazionale che ha colonizzato il mondo con i proprio prodotti negli ultimi vent’anni.

FEDERICO LUIGI DI MINGO