Sei qui: Home » Calcio Internazionale » Arabia Saudita, Renard punge l’Argentina: “Non siamo il Brasile quindi non avevano le stesse motivazioni”

Arabia Saudita, Renard punge l’Argentina: “Non siamo il Brasile quindi non avevano le stesse motivazioni”

Il CT dell’Arabia Saudita, Hervé Renard, a margine dell’incredibile vittoria ottenuta in rimonta contro l’Argentina di Lionel Scaloni, ha rilasciato dichiarazioni pungenti sui suoi avversari.  

“A volte i nostri avversari non hanno grandi motivazioni, è successo anche a noi quando giocavamo squadre inferiori” ha detto, come si apprende attraverso l’agenzia ANSA.

Proseguendo nell’analisi, Renard ha chiesto di rimanere umili ai suoi giocatori, e di non festeggiare in maniera eccessiva una vittoria ‘totalmente folle” come l’ha definita lui stesso.

Ha concluso inoltre affermando che ”Quando giochi con l’Arabia Saudita, la motivazione non è la stessa di giocare col Brasile.

Mondiali Herve Renard Argentina Arabia Saudita

C’è spazio nell’intervista inoltre, per quanto riguarda l’aspetto puramente tattico del match:

“Il nostro blocco era compatto ma la nostra pressione sui loro difensori centrali e su Paredes non è stata sufficiente. Se avessimo subito un secondo gol, la partita sarebbe finita e durante l’intervallo non ero contento perché non vedevo abbastanza determinazione. Quando sei al Mondiale devi dare tutto”.

Celebrazione di un successo storico quindi, per un allenatore poco noto in Europa ma che ha mostrato un approccio rivoluzionario nella realtà del calcio africano, con ben due successi continentali.

Enrico Tiberio Romano