Pochi giovani italiani in Serie A? Casini si giustifica: “Non succede solo nel calcio”

Durante il Next Gen Day, Lorenzo Casini, presidente della Lega Serie A, è intervenuto su diversi temi calcistici di attualità: giovani, prestiti, seconde squadre (fonte: Tuttomercatoweb).

Casini SerieA giovani

L’approccio culturale è che le politiche sui prestiti che ha caratterizzato diverse squadre non ha portato a investire su un progetto come le seconde squadre“: comincia così il suo intervento Casini, sottolineando come in Italia manchi ancora una cultura rivolta all’importanza dei giovani.

Questo problema, come riferito dal Presidente, non interessa solo il mondo del calcio: “La resistenza nel lanciare giovani in Italia mi sento di dire che non sia un problema del calcio o dello sport, ma culturale, studiato anche da sociologi“.

Casini termina il suo intervento proponendo una soluzione alla problematica: “Per il calcio, investire sui giovani va fatto sempre: le seconde squadre sono una modalità, che aiutano anche le nazionali”.

Sei qui: Home » News sul Calcio » Pochi giovani italiani in Serie A? Casini si giustifica: “Non succede solo nel calcio”